22/Settembre/2017

CONCORSO LETTERARIO - LA VECCHINA DI CATTELAN

21/Settembre/2017

"Letto di stupore".Il declino come libertà

01/Settembre/2017

Io sostengo l'Alzheimer Fest!

Chi siamo

In giro per l’Italia ci sono migliaia di famiglie, tanti centri e associazioni, che pur tra ripide difficoltà e in ordine sparso, con il groppo in gola e il sostegno di molti operatori, cercano di percorrere i tornanti della demenza come una tappa di vita. E’ una specie di Società Segreta Miracoli Quotidiani, dove i miracoli si chiamano normalità: i “soci” spesso non si conoscono o comunque raramente si ritrovano per il piacere di stare insieme. L’Alzheimer Fest vuole essere un’occasione di incontro per queste persone. E un piccolo faro per coloro che non possono venirci. E una passerella in cui si mescolano malati e sani.
Dunque la prima risposta alla domanda CHI SIAMO è semplice: siamo tra “quelli che l’Alzheimer è una stagione di vita”, “quelli che la vita è fatta anche di Alzheimer”. In primis siamo tra quelli che l’Alzheimer lo portano con sé ogni giorno: siamo “imperfetti sconosciuti” come Antonio Candela, Mariuccia Comandini, Oscar Selicato, Alberto Simonato, Carla, Arturo, Maria... Siamo anche familiari “in servizio attivo”, o reduci come Michele Farina, giornalista del Corriere della Sera che un giorno del 2015 in Alto Adige ha acceso la scintilla dando alla presentazione di un libro il nome di Alzheimer Fest. Siamo professori come Marco Trabucchi, presidente dell’Associazione Italiana di Psicogeriatria, che da quella scintilla ha pensato bene di far nascere un falò. Siamo terapisti, artisti, badanti, medici, attori, musicisti, ricercatori; tante persone in giro per l’Italia. Come si fa ad elencarci tutti? Siamo Rughe di Gavirate, siamo Pls di Firenze, siamo l’Associazione Alzheimer Fest nata un pomeriggio di primavera con uno statuto, un bilancio trasparente, tante energie. Siamo tra quelli che non vogliono pestare i piedi a nessuno, o sostituirsi ad altri (semmai unirli). Siamo, come canta Piero Pelù ne “Il mio corpo che cambia”, “in trasformazione”. Qualunque sia la direzione, la storia, la provenienza di ciascuno. Chi c’è, c’è (anche soltanto con il pensiero): siamo l’Alzheimer Fest.