22/Settembre/2017

CONCORSO LETTERARIO - LA VECCHINA DI CATTELAN

21/Settembre/2017

"Letto di stupore".Il declino come libertà

01/Settembre/2017

Io sostengo l'Alzheimer Fest!

Il diario della star ... l’amore fa fare i salti

Che avventura fantastica abbiamo vissuto con la nostra Mariuccia nel weekend di riprese a Gavirate.
Abbiamo avuto l’ennesima conferma che le paure e i limiti che mettiamo in gioco sono sempre i nostri.
Ci concentriamo a volte a cercare la parte malata nelle persone e trascuriamo di osservare la parte sana e le potenzialità, tanto che all'ultimo ciak in preda alla stanchezza e un po' al nostro sconforto Mariuccia ci ha regalato uno dei più bei sorrisi mai visti con due occhi vispi e gioiosi:
“Visto che ce l'ho fatta ad accendere la lampadina ? Anche se voi credevate che non sarei riuscita!”.
Ancora oggi, dopo due settimane, ci incontra e dice: “Visto che ce l'ho fatta?”.

A casa ci siamo portate anche l'incontro di Mariuccia con Elda, una persona in una fase più avanzata della malattia, è stato come assistere all'incontro di due vecchie amiche che sono tornate bambine per un attimo e si sono salutate con l'augurio da parte di Mariuccia di rivedersi sicuramente a settembre. E' stato un momento bellissimo e orribile allo stesso tempo: chi serberà il ricordo di quell'incontro e chi sarà in grado di mantenere quella promessa? Mah! Non importa, abbiamo vissuto il qui ed ora, e ci basta: grazie Mariuccia!!!

Che cinema. Mariuccia ha preso, in un certo senso, il regista per mano, e gli ha fatto capire come doveva porsi nei suoi confronti. All'inizio delle riprese all'interno del supermercato, quando ancora mancava la conoscenza e la confidenza, il regista dava alla Mariuccia indicazioni eccessive. Per esempio: “Vada in fondo alla corsia 3, si fermi davanti allo scaffale e prenda la lampadina in mezzo!”.
Dopo qualche dritta e dopo aver iniziato a conoscere Mariuccia, da parte di Marco è diventato più semplice e naturale dirLe: “Vai dai cotechini alle uova di Pasqua”. Ripetendo la scena più volte....come se fosse sempre la prima volta. E sul più bello sentirle dire: “Ma le Golia a 2.90 euro sono care !”

Che dialoghi, tra un ciak e l’altro.
“Mariuccia sei stanca ?”.
“Stanca? Ho fame: l'amore fa fare i salti, ma la fame li fa fare più alti!”.

Il ritorno domenica sera in macchina da Gavirate, al termine delle riprese, è stato un altro regalo inaspettato che la nostra star ci ha fatto; eravamo stanche, tanto stanche, ma troppo contente. Avevamo l'idea che Mariuccia dormisse durante il viaggio, e invece ….
“ Ragazze per colpa vostra questa è la prima volta che perdo la Messa delle Palme, se ce la facciamo ad arrivare a Saronno per le 20.30 vado all'ultima Messa, ma guidate piano, non correte....pazienza ! Voi vi chiedete mai chi ha creato tutte queste belle cose?”.
“Quali belle cose Mariuccia ?”.
“Due giornate come queste con tutto quello che abbiamo visto! Purtroppo mai nessuno però è tornato a raccontarci cosa ha trovato di là, vuol dire o che non c'è niente o che è troppo bello ! Sabato mi è piaciuto, ma è stato tanto faticoso, domenica invece è stato bellissimo! Comunque ragazze io ho una calamita!”.
“Ma cosa vuoi dire Mariuccia? Hai preso una calamita dentro al supermercato?”.
“Ma no… Dentro di me : attiro gli uomini, è incredibile! Quando vado in televisione? Quando mi vedrà mio figlio al cinema? Mamma mia chissà quando lo sapranno le mie amiche. Quando verranno a trovarmi Marco e Michele? Va be’, tanto ci rivediamo a settembre!”.

Alice Balboni, Laura Biella
FO.C.R.IS (Fondazione Casa di riposo intercomunale Saronno)